Concludiamo il nostro excursus sui giovani talenti argentini, approdati con troppo fretta in un campionato come la MLS ricco, ma solo di cash, perché il calcio vero gravita ad altre latitudini, parlandovi del nativo di Magdalena, Matias Pellegrini, ex Estudiantes.

Il classe 2000, dopo la trafila nelle giovanili del Pincha, esordisce in prima squadra nell’Agosto 2018 e non proprio in un match ordinario, ma nell’ottavo di finale di andata di Libertadores, a La Plata, contro il Gremio. Insomma un battesimo di fuoco, per il giovanissimo talento bianco rosso, che nello scacchiere tattico dell’Estudiantes agisce con una discreta libertà di manovra, infatti può partire sia dal settore sinistro offensivo, che da quello destro, sfruttando la propria velocità e la tecnica fuori dal comune, quasi sempre portandosi verso il centro, o per dialogare con una punta o con la mezzala di riferimento, oppure cercare la soluzione personale, con il piede forte, il destro. Ma non rappresenta il classico esterno di corsa, piuttosto un giocatore offensivo, a cui piace partire laterale, unicamente per accentrarsi e creare giocate e superiorità.

Il primo gol in carriera con la maglia dell’equipo di la Plata, al termine di una prestazione coi fiocchi, arriva nel Clasico vinto per 2 a 0 sul Boca Juniors sempre nell’Agosto 2018, insomma un inizio in grande stile, segnatura bissata poche settimane dopo, nel match contro l’Independiente.

La società guidata dalla Brujita Juan Sebastian Veron crede moltissimo nel ragazzo, appena maggiorenne che però, per via di alcuni malanni fisici, colleziona diverse assenze, pur restando tra gli uomini di maggior classe, tutte le volte che viene impiegato.

L’inizio di questa stagione non è stato dei più rosei, per via di un infortunio, infatti lo score di Pellegrini recita soltanto 1 gol, messo a segno nel 3 a 0 sul Rosario Central ma, abbastanza a sorpresa, a Luglio arriva una chiamata dalla Florida, dalla franchigia MLS di David Beckham, l’Inter Miami, che si aggiudica le prestazione del giovane argentino, dove trova il connazionale Julian Carranza, lasciandolo in prestito a La Plata fino alla fine del 2019, con l’approdo a South Beach nel 2020. Già 2 le presenze in MLS di Pellegrini, negli unici match disputati prima del blocco totale per la pandemia.

Certo, siamo sinceri, di fronte a certi ingaggi, ragazzi di appena 20 anni e magari anche le loro famiglie, difficilmente possono dire di no, comunque le doti tecniche del Pibe non troveranno grande allenamento e miglioramento, in un torneo che di tecnicamente elevato ha poco o nulla, per cui ci auguriamo che, magari approfittando dello stop in USA, possa arrivare una chiamata dall’Europa, inizialmente anche con un prestito, al fine di potersi approcciare e confrontare con il calcio vero.

Vi lasciamo ad alcune immagini del talentissimo argentino.